Università Cattolica del Sacro Cuore

Il progetto LIFE Ecoremed per il risanamento dei suoli contaminati

Seminario  2 marzo 2017
Aula: Aula 8 -  Ore: 14.00
Via Musei 41, Brescia

Il progetto LIFE Ecoremed per il risanamento dei suoli contaminati

Introduce:

Prof. GIACOMO GEROSA
Università Cattolica del Sacro Cuore

Interviene:

Prof. MASSIMO FAGNANO
Docente di Agronomia ed Ecologia agraria, Università di Napoli Federico II

Abstract

Il seminario illustrerà i principali risultati del progetto LIFE “Ecoremed per il risanamento dei suoli contaminati”:

  • Le tecniche di caratterizzazione ambientale/agronomica per la definizione dei suoli contaminati: problematiche normative e metodologie innovative.
  • Il caso studio della Campania (la Terra dei Fuochi): realtà o percezione della contaminazione?
  • Strutture biologiche per il risanamento dei suoli contaminati: il ruolo dei batteri (biodegradazione degli inquinanti organici); i ruoli della vegetazione.
  • Principi della phytoremediation assistita: rispristinare la fertilità del suolo (compost), stimolare la crescita e l’assorbimento delle piante (micorrizze), potenziare il metabolismo microbico (effetto rizosfera).
  • Esempi applicativi di risanamento dei suoli degradati e/o contaminati mediante l’uso delle risorse naturali (vegetazione e microflora del terreno), come previsto dal protocollo Ecoremed:
  • Bonifica: eliminazione progressiva della frazione mobile e biodisponibile dei metalli e metalloidi potenzialmente tossici da parte della vegetazione (es. pioppo eucaliptus, brassicacee); biodegradazione degli inquinanti organici (es. idrocarburi, DDT, IPA, PCB…), mediante selezione, moltiplicazione e reinoculazione della microflora autoctona (batteri e funghi).
  • Messa in sicurezza: interruzione percorsi di esposizione (impedire che le molecole di EPT o le particelle contaminate raggiungano l’uomo e le falde) con appositi schemi vegetazionali basati:
    - su consociazioni di specie legnose ed erbacee (es. pioppeto + prato permanente per realizzare un bosco inerbito)
    - su specie erbacee tappezzanti (canneti ad Arundo donax, Phragmites australis ecc.)
  • Ripristino ambientale: riqualificazione ambientale e paesaggistica di siti degradati fisicamente (compattamento, destrutturazione, presenza di rifiuti) per ripristinare le funzioni ecosistemiche e paesaggistiche dei suoli (lavorazioni, fertilizzazione organica, vegetazione)


La locandina (359,59 KB)